CONDIZIONI DI VENDITA


PREMESSA


Quanto offerto nella presente vendita, in ottemperanza all’art. 64 del codice dei beni culturali (d. lgs. 22.01.2004, n. 42), è garantito autentico e, salvo indicazione contraria, privo di difetti occulti. I lotti sono posti in vendita dalla Numismatica Picena s.r.l., la quale agisce quale mandataria in esclusiva in nome proprio e per conto di ciascun venditore il cui nome viene trascritto negli appositi registri di P.S. tenuti nella sede della società stessa. Gli effetti della vendita influiscono e ricadono direttamente ed in via esclusiva sul venditore, la Numismatica Picena s.r.l., pertanto, non assume nei confronti dell'aggiudicatario o di terzi in genere altra responsabilità oltre quella ad essa derivante dalla propria qualità di mandataria. In particolare si precisa che la presente vendita costituisce contratto aleatorio ed è quindi esclusa la garanzia per l’evizione, ai fini e per gli effetti dell’art. 1488 comma 2 del Codice Civile.


Tutti i partecipanti all’asta n. 8, con data e ora di chiusura 20 novembre 2019, ore 17.00, sono tenuti all’osservanza delle presenti condizioni di vendita.


1. REGIME IVA (REGIME DEL MARGINE)


Tutte le vendite effettuate dalla Numismatica Picena s.r.l. sono operate in virtù di contratti stipulati con privati consumatori o con soggetti IVA che operano nel regime del margine, regolato dall’art. 40 bis del d. l. 41/95 e s.m.i. In virtù di tale normativa non sarà applicata né l’IVA sui servizi e/o prestazioni rese all’acquirente e al venditore, né l’IVA sul prezzo di aggiudicazione.


2. BASE D'ASTA


La base d'asta – ovvero prezzo di partenza – corrisponde al prezzo di stima. Offerte al di sotto di tale prezzo non saranno prese in considerazione. Le stime relative al possibile prezzo di vendita di ciascun lotto, espresse in Euro, sono indicate sotto la descrizione dei lotti riportata nel catalogo (cartaceo e web) e non includono i diritti d'asta dovuti dall'aggiudicatario.


3. COMMISSIONI COMPRATORI


L’importo complessivo a carico dell’aggiudicatario, per ciascun lotto, è composto da:


  • Prezzo di aggiudicazione.


  • Commissione del 18% (IVA inclusa).


4. PARTECIPAZIONE ALL’ASTA


Gli aggiudicatari (cittadini italiani o residenti in Italia) sono tenuti a fornire alla Numismatica Picena s.r.l. il proprio codice fiscale e gli estremi di un documento d’identità in corso di validità, come da legge espressa nel d. lgs. 231/2007 e dal T.U.L.P.S. approvato con R.D. 773/1931.

La partecipazione all’asta è possibile tramite:

  • invio di offerte scritte, da far pervenire entro e non oltre le ore 12.00 del giorno 20 novembre 2019, mediante lettera raccomandata, fax (0735/575156), e-mail (all’indirizzo di posta elettronica info@numismaticapicena.it) o, in alternativa, per telefono, ma in quest’ultimo caso è necessaria comunque la conferma scritta. Il modulo d’offerta è scaricabile dal sito www.numismaticapicena.com .

  • Il portale www.deamoneta.com tramite registrazione ed entro i termini sopra indicati. La pubblicazione dell’asta su questo portale è a meri fini commerciali, pubblicitari e divulgativi. Attraverso questo mezzo viene fornita, per comodità ed utilità dei partecipanti che vi si iscrivono ed effettuano offerte, la possibilità di seguirne l’andamento, nonché la possibilità di seguire in diretta la definitiva aggiudicazione dei lotti nel giorno ed ora di chiusura della vendita.

La Numismatica Picena s.r.l. non applicherà nessuna spesa aggiuntiva per la cura delle commissioni rispetto alla commissione d’asta indicata al punto 3. Con l’invio delle offerte e la firma dell’apposito modulo si sottoscrive in maniera specifica, esplicita, formale ed espressa l’accettazione incondizionata di tutte le condizioni di vendita previste dal presente regolamento. Le commissioni che recano offerte non ben definite (ad es. “al meglio” o “a prendere”) non saranno prese in considerazione senza che il partecipante possa nulla opporre in merito. Gli oggetti sono definitivamente aggiudicati al migliore offerente. Non saranno accettati trasferimenti a terzi di lotti già aggiudicati e sarà ritenuto unicamente, direttamente e personalmente responsabile del pagamento l’aggiudicatario stesso. La Numismatica Picena s.r.l. si riserva le facoltà di ritirare dall’asta qualsiasi lotto e di abbinare o separare i lotti ed eventualmente variarne l’ordine di vendita durante lo svolgimento dell’asta stessa. Il tutto a sua discrezione ed a suo insindacabile giudizio senza che il partecipante possa nulla opporre in merito. Nel caso di due offerte identiche inerenti il medesimo lotto, lo stesso verrà aggiudicato all’offerente la cui offerta sia stata ricevuta per prima.

Gli aggiudicatari sono tenuti all’osservanza di tutte le disposizioni legislative e/o normative e/o regolamentari in vigore relativamente agli oggetti d’interesse storico o artistico. Eventuali vendite ad aggiudicatari non residenti in Italia saranno effettuate tenendo conto dell’osservanza delle disposizioni legislative in materia. A tal fine Numismatica Picena s.r.l. informa che la cessione di beni di interesse culturale destinati ad uno Stato estero necessita del rilascio dell’attestato di libera circolazione da parte dell’ufficio esportazioni del Ministero per i beni e le attività culturali. Il termine di attesa per la conclusione del procedimento è di circa 60 giorni dalla data di presentazione della richiesta al predetto ufficio. La Numismatica Picena s.r.l. non può assumersi alcuna responsabilità per ritardi derivanti dallo smaltimento delle pratiche di esportazione inoltrate all'ufficio competente, il quale si riserva di evaderle in base alla quantità interna delle stesse. Le richieste di esportazioni sono inoltrate al Ministero previo pagamento del lotto e su esplicita autorizzazione dell’aggiudicatario. La Numismatica Picena s.r.l. non assume alcuna responsabilità nei confronti degli aggiudicatari in ordine ad eventuali restrizioni all’esportazione dei lotti aggiudicati, né in ordine ad eventuali licenze o attestati che l’aggiudicatario dovrà ottenere a proprie cure e spese in base alle leggi in vigore nello Stato. L’aggiudicatario, in caso di esercizio del diritto di prelazione da parte dello Stato italiano, non potrà pretendere dalla Numismatica Picena s.r.l. o dal venditore alcun rimborso di eventuali interessi sul prezzo e sulle commissioni d’asta già corrisposte.


5. SPEDIZIONI E PAGAMENTI


Il pagamento totale del prezzo di aggiudicazione e dei diritti d’asta potrà essere immediatamente preteso dalla Numismatica Picena s.r.l., restando inteso che la proprietà dei lotti acquistati si trasferirà all’aggiudicatario solo a seguito dell’avvenuto pagamento dell’importo complessivo. In ogni caso dovrà essere effettuato per intero, in Euro, entro sette giorni dall’aggiudicazione. In difetto la Numismatica Picena s.r.l., fatto comunque salvo il risarcimento dei maggiori danni, potrà a sua discrezione, ed in via alternativa, procedere per l’esecuzione coattiva dell’obbligo di acquisto, ovvero alienare il lotto a trattativa privata oppure in un’asta successiva in danno dell’aggiudicatario, trattenendo comunque, a titolo di penale, eventuali acconti ricevuti. L’oggetto verrà custodito a rischio e spese dell’aggiudicatario fino a quando non sarà venduto come sopra oppure restituito al venditore su richiesta del medesimo.


Le spese di spedizione sono quantificate nei seguenti modi:


  • Posta assicurata (per valori assicurati fino ad euro 2.000,00): euro 10,00.

Per valori di assicurazione del plico superiori a 2.000,00 euro le spese saranno quantificate al momento della spedizione.


  • Contrassegno (fino ad un importo massimo di euro 2.000,00): euro 15,00.


I pagamenti possono essere effettuati tramite bonifico bancario presso una delle seguenti banche:


UBI Banca S.p.A. - ag. di Ascoli Piceno, corso Vittorio Emanuele II

IBAN: IT55I0311113501000000008741

BIC: BLOPIT22XXX


UNICREDIT - ag. di Fermo, viale Trento

IBAN: IT87V0200869451000101964724

BIC: UNCRITM1Y37


entrambi intestati alla NUMISMATICA PICENA SRL via Calatafimi, 2 63074 San Benedetto del Tronto (AP).

O, in alternativa, con versamento tramite bollettino o bonifico su:


Conto Corrente Postale n. 79581914

(Bancoposta IBAN: IT13V0760113500000079581914)

intestato alla NUMISMATICA PICENA SRL via Calatafimi, 2 63074 San Benedetto del Tronto (AP).


La Numismatica Picena s.r.l., in osservanza all’art. 49, comma 1, d. lgs. 21/11/2007, n. 231, così come modificato dall’art. 1, comma 898, l. 28/12/2015, n. 208, non può accettare pagamenti in contanti per un importo pari o superiore ad euro 3.000,00=.


6. CONTESTAZIONI


Non si accettano reclami e restituzioni della merce trascorsi sette giorni dalla data di ricevimento della stessa, a tal riguardo si fa presente, inoltre, che non saranno ammessi reclami per eventuali difetti menzionati nelle descrizioni dei lotti o comunque facilmente riscontrabili in fotografia. L’invio del materiale contestato deve essere effettuato mediante assicurata, non contrassegno (pena il rifiuto della stessa) e utilizzando imballaggio idoneo. Il mittente è direttamente responsabile della cura del materiale fino alla consegna dello stesso alla Numismatica Picena s.r.l.. Quanto oggetto di contestazione deve essere reso nelle medesime condizioni d’origine.



Le presenti condizioni di vendita sono accettate automaticamente da quanti partecipano all'asta e sono a disposizione di qualsiasi interessato che ne faccia richiesta. Per qualsiasi controversia è stabilita la competenza esclusiva del Foro di Ascoli Piceno.

 

 

 

Informativa D. Lgs. 30/06/2003, n. 196

I dati e le informazioni da lei forniti in occasione della richiesta di registrazione all’asta o dellinvio del modulo di offerta vengono registrati nel nostro archivio/indirizzario e saranno utilizzati unicamente per l’invio della nostra corrispondenza e per il regolare adempimento dei reciproci rapporti contrattuali.

In ottemperanza alla normativa sulla privacy, in base al decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 relativo al trattamento ed alla protezione dei dati personali, desideriamo informarla che il trattamento sarà effettuato in maniera legale, corretta ed a tutela della riservatezza dei suoi dati personali.

Responsabile del trattamento dei dati è il sig. Cesare Costantini.

Secondo l’Art. 7 del suddetto Decreto, ha diritto, contattando i nostri uffici, di consultare i dati che la riguardano e di chiederne in qualsiasi momento la modifica, l’integrazione, o eventualmente la cancellazione con conseguente cessazione di ogni nostra comunicazione.

 

 

GRADI DI CONSERVAZIONE



FDC: fior di conio, ovvero stato zecca, moneta priva di imperfezioni. Come comprensibile tale grado lo si può riscontrare più facilmente sulle monete moderne coniate meccanicamente che non sulle antiche.

SPL: splendido, monete con lievissima usura, praticamente senza difetti, rilievi nitidi, spigoli ancora vivi, fondi lucenti e/o ben patinati.

BB: bellissimo, moneta circolata ma perfettamente leggibile ed integra.

MB: molto bello, esemplare che ha circolato a lungo, ma con dettagli individuabili in modo abbastanza agevole, ammessi vari difetti quali colpetti sul bordo, macchie, tracce di montatura non deturpanti etc.

B: bello, esemplare fortemente circolato, con vari difetti e poco leggibile.



Si rammenta che il grado di conservazione indicato in catalogo nella scheda relativa ad ogni singola moneta rappresenta pur sempre il risultato di un giudizio espresso dal compilatore.

Tale giudizio è stato comunque effettuato sulla base dei principi professionalmente accettati e nel modo più rigoroso possibile per quel che concerne la veridicità e l’attendibilità delle conservazioni stesse.



GRADI DI RARITA’


NON COMUNE

RARO

MOLTO RARO

RARISSIMO

ESTREMAMENTE RARO



ABBREVIAZIONI



Descrizioni Metalli

D/ = dritto AV = oro

R/ = rovescio AG = argento

q. = quasi MI = mistura

m. = meglio di AE = bronzo o rame

+ = più di CU = rame

var. = variante

gr. = grammi

mm. = millimetri

d. = destro

s. = sinistro



BIBLIOGRAFIA


Banti Banti A. “Tessere mercantili italiane in uso nei secc. XIII-XV”, Firenze, 2000.

Bartolotti Bartolotti F. “La medaglia annuale dei Romani pontefici da Paolo V a Paolo VI”, Rimini, 1967.

Bellesia Bellesia L. “Lucca - Storia e monete”, Serravalle, 2007.

“Le monete di Rimini”, Dogana, 2014.

Bern. Bernardi G. “Monetazione del Patriarcato d’Aquileia”, Trieste, 1975.

Bernardi Bernardi G. “Il duecento a Trieste – Le monete”, Trieste 1995.

Berman Berman A.G. “Papal coins”, New York, 1991.

Bernocchi Bernocchi M. “Le monete della Repubblica Fiorentina” , Vol. II, Firenze, 1975.

Bign. Bignotti L. “La zecca di Mantova”, Mantova, 1984.

Le zecche dei rami minori gonzagheschi”, Suzzara, 1989.

Bruni Bruni R. “Le monete della Repubblica romana e dei Governi provvisori”, Serravalle, 2005.

Cagiati Cagiati M. “Le monete del Reame delle Due Sicilie da Carlo I d’Angiò a Vittorio Emanuele II”,

Napoli, 1911-37.

Cappelli Cappelli R. “Studio sulle monete della zecca di Salerno”, Roma, 1972.

Casolari Casolari G. “25 anni di storia delle medaglie e delle decorazioni mussoliniane, 1922-1945”, Rimini, 1996.

Cavicchi Cavicchi A. “Le monete del Ducato di Urbino”, S. Angelo in Vado, 2001.

Cav.PS Cavicchi A. “Le monete della zecca di Pesaro”, Gubbio 2009.

Chimienti Chimienti M. “Monete della zecca di Bologna”, Bologna 2009.

Ciav. Ciavaglia V. “La zecca di Fano”, Fano, 2002.

CNI AA.VV. “Corpus Nummorum Italicorum”, Voll. I-XX, 1910-43.

CNTM-CNV Rizzolli H e Pigozzo F. “L’area monetaria veronese. Verona e il Tirolo”, Bolzano, 2015.

Crippa Crippa C. “Le monete di Milano da Desiderio re dei Longobardi a Ludovico il Bavaro e Azzone Visconti”, Milano, 2014.

“Le monete di Milano dai Visconti agli Sforza”, Milano, 1986.

Le monete di Milano durante la dominazione spagnola”, Milano, 1989.

Le monete di Milano dalla dominazione austriaca alla chiusura della zecca”, Milano 1997.

D.A. D’Andrea A. – Andreani C. “Le monete dell’Abruzzo e del Molise”, Mosciano S.A., 2007.

D'Andrea Hohenstaufen D'Andrea A. “The Hohenstaufen's coins of the Kingdom of Sicily”, Castellalto, 2013.

D'Andrea Normanni D'Andrea A. - Contreras V. “The normans's coins of the Kingdom of Sicily”, Ariccia 2013.

Depeyrot Depeyrot G. “Le numeraire carolingien – Corpus des monnaies” Parigi, 1998.

Di Virgilio Di Virgilio S. “Le monete di Ravenna”, Monaco, 1998.

Dubbini-Mancinelli. Dubbini M. - Mancinelli G. “Storia delle monete di Ancona”, Ancona, 2009

Finetti Finetti A. “La zecca e le monete di Perugia”, Perugia, 1997.

Galeotti Gaelotti A. “Le monete del Granducato di Toscana”, Livorno 1930.

Limido-Fusconi Limido M. e Fusconi G. “Le monete di Pavia”, 2011.

Lunardi Lunardi G. “Le monete della Repubblica di Genova”, Genova, 1975.

Mazza Mazza F. “Le monete della zecca di Ascoli”, Ascoli Piceno, 1987.

“I pesi monetari di monete papali”, Suzzara.

“I pesi monetari di monete milanesi”, Milano, 1982.

MEC1 Grierson P. - Blackbourn M. “Medieval European coinage. Vol. I. The early Middle Ages (V-X centuries)”, Cambridge, 1986.

MEC12 Day R. W., Matzke M., Saccocci A., Medieval European coinage. Vol. 12. Northern Italy”, Cambridge, 2016,

MEC14 Grierson P. - Travaini L. “Medieval European coinage. Vol. 14. South Italy, Sicily, Sardinia”,

Cambridge, 1998.

Modesti Modesti A. CNORP, varie edizioni.

Muntoni Muntoni F. “Le monete dei papi e degli Stati Pontifici”, Voll. I-IV, Roma, 1972-73.

MIR Varesi A. - A.A.V.V.”Monete Italiane Regionali”, Pavia.

MPS AA.VV. “Coins of the Crusader States”, Fairfield U.S.A., 2004.

Pagani Pagani A. “Monete italiane dall’invasione napoleonica ai giorni nostri”, Milano, 1965.

Paolucci Paolucci R. “Le monete dei dogi di Venezia”, Padova, 2001.

Paolucci II Paolucci R. La zecca di Venezia, vol. II”, Padova, 1991.

Patrignani Patrignani A. “Le medaglie dei pontefici….” varie edizioni.

P.R. Pannuti M. - Riccio V. “Le monete di Napoli”, Napoli, 1984.

Rizzolli Rizzolli H., “Corpus Nummorum Tirolensium Mediaevalium”, 2 voll., Bolzano, 1991 e 2006.

R.M. Ravegnani M.M. “Signorie e Principati”, Voll. I-II-III, Rimini, 1984.

Spahr Spahr R. “Le monete siciliane dai Bizantini a Carlo I d’Angiò (582-1282)”, Graz, 1976.

Le monete siciliane dagli Aragonesi ai Borboni”, Graz, 1959.

Travaini 1995 Travaini L. “La monetazione dell'Italia normanna”, Roma, 1995.

< Go Back
Loading...